Roma, 14 gennaio 2015

 

-              All’Assessore per la Rigenerazione Urbana

    Giovanni CAUDO

 

-              Al Dipartimento Programmazione ed Attuazione 

    Urbanistica

   

    Via del Turismo, 30 – 00144 Roma

 

                                                                      -        All’Assessore LL.PP. e Manutenzione Urbana

                                                                               Maurizio PUCCI

 

                                                                      -        Al Dipartimento Sviluppo Infrastrutture e

                                                                               Manutenzione Urbana

                                                                               

   Via Luigi Petroselli, 45 - 00186 Roma

 

-             All’Assessore Personale, Lavoro e Periferie

   Luigi NIERI

  

   Via del Tempio di Giove, 3 – 00186 Roma

 

                                                                      -        Al Presidente Municipio VII Roma Capitale

                                                                               Susana Ana Maria FANTINO

 

-             All’Assessore Lavori Pubblici, Mobilità, 

   Trasporti e Parcheggi Municipio VII

   Francesco MORGIA

 

-             Al Presidente V Commissione Municipio VII

   Emiliano COFANO

 

                                                                   E, p.c.  Unità Tecnica - Area Manutenzione Urbana ed  

    Edilizia Pubblica   Ing. Giuseppe Latina

 

                                                                                Piazza di Cinecittà, 11 – 00174 Roma

  

OGGETTO : Via Luigi SCHIAVONETTI -  manutenzione  straordinaria

Lo scrivente Comitato di Quartiere Nuova Tor Vergata chiede nuovamente che, con urgenza improcrastinabile, si provveda alla  manutenzione  straordinaria di via Luigi Schiavonetti, poiché, come noto, il fondo stradale è completamente disseminato di buche e crateri che rendono la circolazione difficile e pericolosissima: una vera e propria emergenza sia per la mobilità, sia per la sicurezza degli utenti.

Si fa presente che questa strada è di vitale importanza per i residente del nostro quartiere, situato all’estrema periferia della Capitale, per collegarsi con il resto della città.  Inoltre la strada è utilizzata sia da coloro che provengono da fuori Roma, e che escono all’uscita Torrenova dell’autostrada A1, sia da coloro che provengono dai Castelli Romani. E’ inoltre sottoposta ad  un notevole passaggio veicolare, dovuto ai  clienti dei molteplici esercizi commerciali che proprio su questa strada sono insediati: Decathlon, Mediaword, Conbipel, Centro Commerciale Tor Vergata etc, etc. Vi ha sede, anche, un palazzo uffici lungo circa 150 metri con un evidente numero di impiegati e visitatori. Per ultimo, ma non per importanza, vi è  un insediamento, dal 2008, di un campo nomadi  “temporaneo”.

I nostri ripetuti appelli sia verbali che scritti, a livello comunale e municipale, oltre ad  un  sopralluogo effettuato  nell'ottobre  del  2013 con il dottor Roberto Baldetti, capo staff  tecnico  dell'Assessorato LL.PP.,  non  hanno ancora  trovato soluzione.

Si precisa che, ad oggi, via Schiavonetti risulta di proprietà del Consorzio privato che l’ha costruita e non è stata, quindi, ancora presa in carico dal Comune di Roma.

L’assenza di qualsiasi intervento di manutenzione, sia esso privato che pubblico, ha determinato la situazione di grave degrado e pericolosità del manto stradale.

Gli interventi “tampone” per ovviare, superficialmente, ai danni dovuti al maltempo, tramite colmatura delle buche con asfalto “a freddo”, non hanno certo potuto migliorare la situazione se non temporaneamente. Con i violenti acquazzoni, che ormai caratterizzano il cattivo tempo su Roma e non solo,  le buche si sono riaperte più grandi di prima.

Alcuni mesi addietro, lungo via Schiavonetti, sono stati sistemati cartelli che, oltre a stabilire una velocità massima di 20 (VENTI!) Km/h, recano anche la dicitura “Strada Dissestata” vietandone il passaggio alle due ruote. Poiché la situazione del manto stradale continua a peggiorare, non soltanto per le piogge, ma anche per l’inevitabile carico del traffico veicolare, la prossima disposizione dell’Amministrazione potrebbe essere  la CHIUSURA della strada?!

Lo scrivente CdQ, rappresentante e portavoce dei cittadini,   ritiene questa  soluzione impraticabile per i motivi sopraelencati e che vogliamo rimarcare di seguito:

 

1)      via Schiavonetti è l’unica strada, oltre a via di Tor Vergata, a collegare il quartiere, abitato da circa 8.000 persone, con il resto della città (Tuscolana/Anagnina);

 

2)      via Schiavonetti è l’unico collegamento tra i quartieri Romanina e Nuova Tor Vergata;

 

 

3)      su via Schiavonetti ci sono, tra gli altri, i seguenti esercizi commerciali: Centro Commerciale  Tor Vergata;  MediaWorld;  Decathlon;  Conpipel

 

4)      su via Schiavonetti c’è un lunghissimo palazzo a vetri con decine di uffici;

 

5)      su via Schiavonetti c’è un Campo Nomadi, “tollerato e provvisorio”, da più  di 6 anni;

 

6)      via Schiavonetti è utilizzata dai mezzi che, provenienti dalla vicina autostrada A1 Roma-Napoli, escono allo svincolo Torrenova per entrare in città, soprattutto quando c'è molto traffico tra il casello Roma Sud ed il GRA e, anche, dai veicoli provenienti dai “Castelli”.


Si fa presente che l’attuale divieto di transito per i mezzi a due ruote (moto e bici), applicato su tutta via Schiavonetti, è una misura assolutamente discriminatoria ed inaccettabile per gli utenti che non hanno altro mezzo di trasporto (automobile) e che sono di fatto “tagliati”, quali residenti extra-GRA dal resto della Capitale.

Il Comitato di Quartiere, stante l’impossibilità di chiudere via Schiavonetti e, allo stesso tempo, non essendo procrastinabile un intervento di rifacimento del fondo stradale, oramai impraticabile e pericolosissimo per mezzi e persone, richiede alle Istituzioni in indirizzo di superare ogni problematica ostativa e di intervenire, senza indugio, per la messa in sicurezza della strada.

In attesa che venga, finalmente, accolta la giusta richiesta per la messa in sicurezza di via Schiavonetti, si  coglie occasione per porgere distinti saluti.

                                                                                                 

Rossana Franceschi

La Vice Presidente